Guide

Erezioni mattutine e notturne, quando preoccuparsi

Tutti gli uomini si preoccupano delle proprie erezioni notturne e delle erezioni mattutine, soprattutto se al mattino si svegliano senza erezione, si pensa che sia l’inizio dell’impotenza maschile. Ma sarà veramente così?

NPT, quando di notte non si ha erezione

Prima di stare ore su ore a fare nottate su Internet allo scopo di cercare prodotti per contrastare l’impotenza, bisogna distinguere bene cosa significa veramente avere una erezione notturna e che differenza c’è con l’erezione mattutina. Le erezioni notturne, come si evince dal nome, avvengono mentre si dorme, più precisamente durante la fase REM del sonno. Si tratta della fase del sonno in cui si sogna. Il fenomeno si chiama Tumescenza Peninea Notturna, detto anche NPT.

E’ bene sottolineare che i sogni erotici non fanno parte del corredo di queste erezioni, perché esse possono avvenire anche durante dei normalissimi sogni. Siccome non è ancora chiaro il perché avvengano, gli scienziati sono costantemente al lavoro per provare che sia un meccanismo del corpo umano allo scopo di tenere allenati i muscoli spugnosi del pene. Quando si dorme, normalmente non ci si accorge di avere il pene diritto, a meno che non si venga svegliati all’improvviso.

Diciamo che le erezioni in notturna indicano lo stato di salute di tutto l’apparato e, se per due notti consecutive non sono pervenute, significa che possono esserci problemi di circolazione sanguigna nella parte. Ma altre cause comuni possono essere sonno irregolare, visto che avvengono nella fase di sonno profondo. Si consiglia di eliminare la causa del disturbo, come rumori molesti o tendenza ad assumere troppe bevande contenenti eccitanti come la caffeina.

Differenza erezione notturna ed erezione mattutina

Diverso è il discorso per l’erezione mattutina, ovvero quella che si nota appena ci si sveglia. Non c sono cause specifiche, in quanto essa è semplicemente una erezione notturna. Il suono della sveglia provoca un risveglio brusco e lo svegliarsi all’improvviso, anche in piena fase REM del sonno, a volte lascia questi strascichi. Non c’è da preoccuparsi se ci si sveglia senza avere il membro eretto. Tante persone non hanno nessun problema dal punto di vista sessuale, perché si vede che hanno un bioritmo definito che impedisce loro di essere colti di sorpresa dalla sveglia in piena fase REM.

Come capire se ci sono problemi di erezione

Quindi, c’è da preoccuparsi se non si hanno erezioni notturne o mattutine? Niente affatto: è l’ansia che porta gli uomini a credere di avere un grave problema. Bisogna stare tranquilli e, se si ha la sensazione di avere questo tipo di problemi, si può monitorare la situazione controllando le erezioni notturne. Per avere la prova che il proprio pene goda di ottima salute, si può sottoporre il membro a diversi test, da ripetere almeno tre notti di seguito. Come in uan famosa scena di Sex and the City, ci si deve procurare una striscia di francobolli, o una striscia di carta molto sottile. Bisogna avvolgerla attorno al pene flaccido, circa alla metà dell’asta, facendo in modo che sia aderente, ma non stretta da dare fastidio. Quando è ben attaccata, si indossano gli slip o i  boxer non troppo larghi. Il pene deve stare fermo durante la notte e bisogna prevenire eventuali disastri provocati dai movimenti che si fanno durante il sonno, come il cambio di posizione nel letto. Il mattino seguente, se la striscia si è rotta lungo la linea di strappo, significa che si sono avute erezioni, quindi la causa di impotenza o disfunzione erettile è psicologica, mentre se per tre notti di fila rimane intatta, allora si è di fronte a un problema fisico, curabile dall’andrologo dopo test, monitoraggi ed esami medici approfonditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *